FORGOT YOUR DETAILS?

Luce – un racconto di Sergio Saggese

martedì, 07 Luglio 2015 by
Luce - un racconto di Sergio Saggese

Africa_sl

Udito un CLICK ravvicinato, Asad alzò gli occhi dalla pagina e si ritrovò davanti un tizio con una macchina fotografica.

Studiava seduto per terra col libro di Chimica aperto sulle gambe. Lo chiuse e se lo piazzò a fianco.

Guardò oltre la sagoma grigia dello strano fotografo e scorse il suo amico Faraji ridacchiare.

Il tizio con l’obiettivo puntato si presentò come un fotoreporter di un giornale italiano. Gli aveva scattato una foto cogliendolo assorto nella lettura senza preavviso.

Si trattava dell’ennesimo servizio giornalistico sugli studenti africani costretti a recarsi all’interno del parcheggio dell’aeroporto per poter studiare sfruttando la luce dei lampioni pubblici.

A proposito di Absolute

martedì, 16 Giugno 2015 by
A proposito di Absolute
Sergio Saggese e Absolute

Sergio Saggese e Absolute

Non sono un tipo da scrivania. Leggo sul tavolo da cucina e mi circondo di quanto occorre per la lettura come se apparecchiassi: occhiali, matita, post-it, penna e segnalibro al posto delle posate, il romanzo “Absolute” di Marco Aragno al centro come un piatto.

Faccio un primo assaggio. S’un totale di centocinquant’uno pagine ne butto giù cinquanta d’un fiato. Mi sono già fatto il palato con la recensione di Antonio Menna presente sulla bandella, ho annusato il libro prima di scorrere il risvolto di copertina. Alla fine l’ho scostata, la bandella, come una tenda, per entrare nel frontespizio.

Leggo come andassi a pesca. Manco a farlo apposta sto a tema con Menna che parla di “pesci fuor d’acqua”. Sottolineo come i pescatori sondano le parti di mare guaste o fertili. Più il libro è fertile più pesco. Uso l’amo della sottolineatura. La prima parola catturata è “cambiamenti”. La trovo nella citazione di Darwin di pagina 8. Una citazione sulla forza, sull’intelligenza, sui cambiamenti e sulla sopravvivenza. Quanto ai cambiamenti necessari per sopravvivere, un lettore come me cambia cambiando pagine e sopravvive soltanto se trova di che nutrirsi nelle parole. Questo romanzo ne è ricco. Non cerca fronzoli. Le più nutrienti sono quelle intrise di follia. Pesco la parola “normale”, la più folle di tutte. Sta a pagina 9. Mi chiedo cosa sia la normalità. L’illusione ch’esistano cose “normali” è forse il primo segno che siamo tutti fuori di testa. Un buon libro – e questo lo è – ti fa prudere la mente di domande.

Tra meno di un mese… Absolute!

mercoledì, 25 Marzo 2015 by
Absolute - Il Romanzo di Marco Aragno per con-fine edizioni

La nascita di un nuovo libro richiede sempre una lunga gestazione e devo proprio dire che Absolute, il nuovo romanzo di Marco Aragno, non è stato da meno.

L’abbiamo letto e riletto, abbiamo corretto errori, errorini, sviste, virgole e punti, abbiamo giocato insieme ai lettori (o futuri tali, speriamo) per riuscire a trovare la copertina più adatta, abbiamo fatto conoscere il protagonista del libro e, insieme, anche l’autore, ci siamo messi un po’ in gioco anche noi, sempre alla ricerca di buoni libri e di buoni amici con cui condividerli e, finalmente, la copertina c’è e anche la data di uscita…

I topi di Sergio Saggese (l'intervista di Angie Cafiero)

Sergio Saggese, ospite dell’associazione Sfumature in equilibrio, racconta il suo romanzo Codamozza intervistato da Angie Cafiero.

L’incontro di venerdì 13 febbraio è stato piacevole e interessante grazie a Sergio che riesce in maniera sapiente a discutere della sua opera letteraria e grazie alla splendida accoglienza ricevuta presso la sede di Corso Italia News.

La storia di Ninuccia

mercoledì, 11 Febbraio 2015 by
La storia di Ninuccia - Fabiana Schianchi

Ninuccia-Manoscritto-Fabiana-Schianchi

Da qualche giorno ho intrapreso la lettura di un nuovo manoscritto che fin dalla prima pagina, mi ha incuriosito a tal punto, che non sono più riuscita a staccarmene.

In questi casi divento ‘golosa’: ogni capitolo mi fa venire voglia di leggere il successivo e non sarò contenta finché non vedrò l’ultimo punto, finché l’ultima parola non sarà letta.

Cosa succederà alla protagonista? Riuscirà a trovare colui che sta cercando? Alla fine ci sarà delusione, rimpianto o gioia e serenità, o nessuna di queste cose?

L’abitudine della guerra

giovedì, 05 Febbraio 2015 by
L’abitudine della guerra

Visioni9

La noia per le parole di chi catechizza e conosce la geopolitica come i risultati di una partita di calcio, senza considerare che nel mezzo ci sono pezzi di pelle, stralci di volti, curiosità negli occhi. Provo a ricordare le mie settimane nel freddo del conflitto nel Donbass, regione che era dell’Ucraina e che in qualche pezzo lo è ancora, ma una sua parte si è dichiarata autonoma, staccandosi da Kiev e proclamando le Repubbliche di Donetsk e Lughansk. Sono flash, perché ricordi di giacche pesanti, maglie termiche e passi da direzionare con attenzione per non farli impattare nel gelo.

Ecco chi è Marco Cicala!

martedì, 03 Febbraio 2015 by
Una foto per Absolute

Aragno_BannerPost

Da poco più di un mese stiamo raccogliendo in un album sulla nostra pagina di Facebook le fotografie, che tanti di voi ci hanno inviato, per partecipare alla selezione da cui verrà estratta quella che diventerà l’immagine di copertina del nuovo romanzo di Marco Aragno dal titolo ‘Absolute’.

Il mese di febbraio sarà dedicato solamente alle ‘votazioni’ attraverso le preferenze (i ‘mi piace’) di tutti quelli che vorranno esprimere il loro parere.

L'inferno delle donne

olocausto

E’ da qualche giorno ormai che con Giulia, mia figlia di 9 anni, parliamo della giornata della memoria. Oggi lei con la sua classe andrà in comune per assistere ad un documentario che le spiegherà (anche se non so come si possa farlo) cosa è successo anni e anni fa…
Qualche sera fa ci ho provato anch’io a spiegare, ma mi sono accorta che le parole mi mancavano, che forse neanch’io ho mai capito bene, che tutto quell’orrore è impossibile da spiegare, impossibile usare la logica.

Poi oggi ho riletto il racconto che Sergio Saggese mi/ci regalò l’anno scorso e che pubblicai proprio in questa giornata. Rileggerlo non mi è servito a capire, però mi è servito a provare, almeno in parte, il dolore, un dolore che non si potrà mai più dimenticare.

Il racconto che si intitola ‘L’inferno delle donne’ inizia così:

Vita da lettori

mercoledì, 21 Gennaio 2015 by
Vita da lettori | Fratelli-Karamazov-Dostoevskj-Amos-Oz

Fratelli-Karamazov-Dostoevskj-Amos-Oz

Fino ad una certa età non ho mai abbandonato la lettura di un libro… forse ero troppo indulgente, forse non avevo gli strumenti per essere più critica, ma, lo ammetto, mi dispiaceva veramente non arrivare alla fine e ci riuscivo sempre, anche se il libro era un po’ complicato o a tratti noioso (forse sceglievo semplicemente dei buoni libri).

Da qualche anno, invece, non mi faccio più nessuno scrupolo. Per alcuni non riesco ad andare oltre la seconda pagina, altri li leggo fino a metà, ma se la lettura diventa faticosa lo chiudo e lo sistemo al suo posto nella libreria senza nessun tipo di rimorso.

La tua foto per Absolute

lunedì, 12 Gennaio 2015 by
Una foto per Absolute

Alla ricerca di un’immagine per il nuovo romanzo di Marco Aragno. Su Facebook raccogliamo in un album tutte le foto che ci invierete e quella più votata diventerà la copertina di Absolute.

TOP