FORGOT YOUR DETAILS?

Le mele di Kafka di Andrea Vitali

by / mercoledì, 11 Maggio 2016 / Published in Notturno italiano

Andrea-Vitali_imagefullwide

Ci sono solo tre narratori in Italia pieni di storie legate alle loro terre che non debbano per forza o per marketing fare gialli o noir: Pennacchi, Camilleri ed Andrea Vitali, il medico bellanese con la passione per la psichiatria. Quante storie ha scritto Vitali di quel suo microcosmo?, non ne portiamo più il conto; solo godiamo della sua esistenza e ci chiediamo perché ci piaccia questo narratore di lago?

Leggendo il suo ultimo “Le mele di Kafka (pagg. 242, euro 16.90; Garzanti)”, ricordiamo il perché…

A Bellano al Prevosto arriva una telefonata nel cuore della notte: sta morendo il cognato di una compaesana – la moglie di Abramo Ferrascini  che gestisce la ferramenta locale – e la coppia deve recarsi in Svizzera per una visita familiar-assistenziale.  Si dà il caso che il Ferrascini sia anche il raffatore della coppia di bocce, gloria locale, e che fra due domeniche ci sia la finale provinciale che determinerà la supremazia valliggiana e che il proprietario del circolo, il monco Stimolo, allenatore della coppia che comprende l’accostatore Tontoli,  sia in ambascie. Come vedete una di quelle belle storie paesane chiuse e claustrofobiche che nel Bel Paese fatto quasi tutto di paesi, acchiappa tanto lettori dai palati consimili.

Poi c’è quello che il caro Vinicio Capossela chiamerebbe “giacimento culturale” che è un’altra  delle bellezze della nostra Italia e che nel caso di Vitali si sostanzia in verbi come: carcagliare ed inzigare od in aggettivi come imbesuito. O per dire saracinesca; nell’utilizzo di un termine meneghino come cler che richiama l’èclair francese.

Ecco il perché ci piace Vitali e che consigliamo a tutti di leggerlo e di farci presentazioni per conoscerlo: perché a differenza di altri suoi colleghi è anche una persona da andarci a mangiare la sera.

Lascia un commento

TOP