FORGOT YOUR DETAILS?

Semplici questioni d’onore di Domenico Cacopardo

by / giovedì, 15 Settembre 2016 / Published in Notturno italiano

domenico-cacopardo-800x533

Non so perché ma amo al di sopra di tutto la letteratura siciliana… Sarà per Sciascia, Vittorini ed alteros ma ho sempre riconosciuto alla produzione isolana una peculiarità sua propria: del resto “quella terra pazza dove il sole batte 8 mesi l’anno…”.

Oggi parleremo del magistrato-scrittore Domenico Cacopardo, un autore messinese che ritorna in libreria con “Semplici questioni d’onore (pagg. 306, euro 17; Marsilio)” con la storia di Tino Granaleo ragazzo di quella borghesia terriera e professionale aspirante diplomatico che privato di una madre – morta giovane – deve anche subire l’assenza di un padre otorinolaringoiatra di cui nulla si sa. Tino cresce tra Letojanni e Messina con le cure amorevoli e ferme di Zia Antonia studiando Scienze politiche, rincorrendo la cugina Ornella ed avendo come amici Demetrio e Masino. Unica amicizia maschile più grande quella del frate agostiniano Federico musicista marchigiano che cresce questa posse amicale a Santa Greca  con l’espediente della squadra calcistica.

Il suo piccolo mondo perfetto è però distrutto da un evento delittuoso inaspettato occorso nella notte tra il 18 ed il 19 ottobre del 1962: l’assassino di sua zia in casa mentre Tino si nasconde vigliaccamente. Al di là del contenuto giallesco – se oggi non si scrivono gialli è meglio cambiare mestiere – il romanzo di Cacopardo si segnala per una lingua piana e classica allo stesso tempo e per un saporosità di ricordi di una vita persa che ricompare musealmente viva nel ricordo di stralci familiari – la vendemmia, la raccolta delle ulive – che riportano anche parole scolorite nei significati dalla nuova lingua internauta ed accettiva dell’odierna scrittura social. Cosa sono le rasole? , e le sipali? Cosa sono i ciuritti? Tutto questo potrete scoprire – se chiudete google e tenete aperta l’accesso alla curiosità – leggendo questo testo e se siete tra quelli che preferiscono “mille spiacevoli verità” ad una stupida bugia.

Lascia un commento

TOP