CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

Sorrisi di carta di Mariaelena Castellano

Premo con forza sulla serratura del vecchio baule di cuoio e finalmente, dopo l’ennesimo tentativo, si apre. Non so se sia stata una buona idea portarlo qui, nella mia camera da letto; è piuttosto rovinato e adesso che sono riuscita ad aprirlo, ho sparso un po’ ovunque polvere e frammenti di pellame consumato. Eh no,

Dire amaro non rende, è orrido, da voltastomaco. Ho confuso i barattoli, sarà stata l’agitazione del momento; neanche il tempo di sorseggiare, che  entrambe le tazzine son finite di nuovo sul tavolo, quasi ribaltate. Ho ancora il volto contratto in una smorfia grottesca; la stessa di due giorni fa. In fondo, il concetto è quello:

Libri per tutti i gusti

mercoledì, 03 Dicembre 2014 by
Una foto per Absolute

L’autore del prossimo romanzo c’è: Marco Aragno Il titolo anche: Absolute Ci manca l’immagine di copertina e chiediamo il coinvolgimento di tutti voi! Per sapere come potete aiutarci leggete l’articolo scritto nella rubrica ‘Ho appena finito di leggere…’ Il libro che racconta il progetto del giardino sensoriale è in stampa! Se volete saperne di più

Tra giardini, musica e parole.

mercoledì, 19 Novembre 2014 by
Un giardino speciale

Questa settimana in casa con-fine ci stiamo occupando di un volume dedicato a un giardino speciale. Questo giardino è stato ristrutturato per creare un percorso sensoriale grazie a materiali, piante, opere d’arte, percorso che sarà ben descritto all’interno del libro che racconterà la nascita, lo studio e la realizzazione del progetto il tutto arricchito da

#chilegge vive milioni di vite

mercoledì, 12 Novembre 2014 by
I racconti a singhiozzi sul Kurdistan

Quali sono le novità di casa con-fine? Due di queste le troverai negli articoli sottostanti: la prima riguarda la nostra collana Sete dedicata alla poesia contemporanea che presto vedrà un nuovo ingresso con il libro di Domenico Segna e la seconda è il blog Ho appena finito di leggere…  che utilizzeremo per parlare della nostra

Lo stregone Gioele di Carlos Pambianchi

mercoledì, 30 Luglio 2014 by
In Limbo - Gennaro Chierchia

Illustrazione-gigante- Carlos-PambianchiCi fu un tempo in cui Gioele fu come tutti gli altri. Poi quel tempo finì, perché così doveva essere, a quanto pare. Gioele crebbe, crebbe tanto che tutti dovettero abituarsi a guardarlo a naso all’insù; e lui a chinarsi all’ingiù, fino a far della schiena una grande gobba. Lungo lungo ed inarcato se ne stava, e pensando che quei minuscoli compatrioti faticassero sempre più a sentirlo da quell’altezza, gridava e tanto forte che a quelli parevan le trombe della fine del mondo; quelle specie di formiche di cui un tempo faceva parte ora lo guardavano con gran meraviglia e soggezione. “Sono io, sono io, son sempre io” badava a dire, lungo e ritorto come un glicine staccatosi dal muro su cui era cresciuto; e quelli tra loro, guardando quell’uomo che pareva un laccio da scarpa svolto “certo che è proprio un gran stringone!”. E parlavano parlavano parlavano ed ancora parlavano di quel ‘Gioele Gran Stringone’; e parlando parlando parlando, sui passi di chi fuori se n’andava in terre lontane, di bocca in bocca la sua storia passò, e tanto masticata fu da tutti come neanche l’erba in bocca ad un bove.

Lo stregone Gioele di Marco Aragno

giovedì, 10 Luglio 2014 by
In Limbo - Gennaro Chierchia

Lo stregone Gioele di Marco AragnoDoveva essere stato un incantesimo. O qualcosa del genere. Fatto sta che viaggiava attraverso le frequenze tv. Perché un intero quartiere era finito da un giorno all’altro incollato al televisore. Tutti a guardare un canale privato che mandava in onda pubblicità di materassi, soap opera e show demenziali.

Una pandemia di imbecillità.

L’amore zitto (seconda parte)

venerdì, 04 Aprile 2014 by
L'amore zitto di Sergio Saggese

Finalmente è venerdì e, come vi abbiamo promesso la scorsa settimana, questa che segue è la seconda parte del racconto di Sergio Saggese. La prima, pubblicata venerdì scorso, la potrete trovare e leggere qui.
Come nella vita reale anche nei racconti di Sergio ritroviamo amarezze e insoddisfazioni, talvolta disperazione, soprattutto destini per niente banali e coraggiosamente accettati.


L'amore zitto di Sergio Saggese

Fu per questo che una volta qui, una volta nel Bihar, mi venne voglia di informarmi se era ancora viva, se la bella Mahima ancora sculettava. E magari incontrarla, incontrarla senza dirle chi ero e godere a ferirla dicendole che d’ora in avanti le sarebbe toccato camminare s’una terra dov’erano state piantate, proprio così’, piantate le ceneri di un uomo che l’aveva amata alla perdizione e che adesso non avrebbe smesso un istante di fissarle il culo.
Avrei detto apposta culo, anziché sedere, perché vivesse per sempre nel pudore, fino a sentirsi lo sguardo di Mohanish risalirle avidamente su per le cosce a ogni passo.

L’amore zitto

venerdì, 28 Marzo 2014 by
L'amore zitto di Sergio Saggese

Questa che segue è la prima parte del racconto che l’autore di Codamozza ci ha regalato (è il suo settimo racconto, gli altri li troverete tutti all’interno della rubrica Visioni mondaniche), che abbiamo voluto dividere per facilitarne la lettura e raddoppiare il godimento.

Segnatevi l’appuntamento per non perdervi la seconda parte che pubblicheremo il prossimo venerdì e buona lettura!


 

L'amore zitto di Sergio Saggese

Fosse stato per mio padre sarei già morto da un pezzo.

TOP