CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

Nei giardini di Alex Caselli

giovedì, 07 Agosto 2014 by
Nei giardini di Alex Caselli

Brano tratto dalla poesia ‘Temporale’ di Alex Caselli pubblicata nel libro Giardino edito nel 2010 all’interno della collana di poesie Sete.

Tagged under: ,
L'armonia delle sfumature poetiche di Giuseppe Di Bella. I Parte

Poesia per i vostri occhi: testo tratto dal libro della collana Sete Le gradazioni del bianco di Giuseppe Di Bella, fotografia di Fabio Leone.

Stringhe fatte a brani

martedì, 08 Aprile 2014 by
Visioni poetiche | Stringhe fatte a brani

Spesso si legge nei testi critici riguardanti la poesia, che l’autore di quel testo è ‘allievo’ di un autore più famoso e riconosciuto… Giuseppe Di Bella in questo post indaga su tali affermazioni chiedendosi se e come un giovane poeta può distaccarsi e distinguersi dalla voce da cui è stato influenzato.

Un post dedicato ai lettori e agli autori di poesia, che, se vorranno, potranno interagire direttamente con Giuseppe per approfondire e discutere sull’argomento, buona lettura!


 

Visioni poetiche

Il problema delle filiazioni in poesia è sempre una questione che afferisce più al mondo della botanica che non a quello della critica letteraria. Laddove il criterio storico-artistico o della pura militanza del critico, vengono messi al muro dall’evidenza cruda di una totale assimilazione dei figli coi padri e a un successivo ulteriore livello, che è quello in cui il capogruppo o il creatore di una tendenza finisce per ripetersi in vista della possibilità di riconoscersi e riprodursi infinitamente come Narciso nel labirinto chiamato da Eco, nel mondo che i suoi epigoni hanno cristallizzato.

Fabrizio Bajec in finale al Premio Carducci.

Sito BajecCi piace anche il titolo in francese del libro Entrare nel vuoto di Fabrizio Bajec, e d’altronde lui vive a Parigi e i suoi libri sono conosciuti e apprezzati anche all’estero.

Di seguito potrete leggere la nota di lettura (come recita il titolo) di ESPACE LIVRES & CRÉATION di BRUXELLES che ci è piaciuta molto e che crediamo sia illuminante circa l’operare del nostro autore e la sua poetica.

Racconto d’autore

lunedì, 17 Febbraio 2014 by
Contromosse di Paolo Maccari

Sul sito di Radio Emilia Romagna sono state pubblicate all’interno della rubrica Racconto d’autore alcune poesie tratte dal libro Contromosse di Paolo Maccari. Le poesie sono state lette da Fulvio Redeghieri e presentate da Vittorio Ferorelli. Cliccando sopra la copertina del libro potrete scaricare l’mp3.  

Tagged under: ,
Contromosse di Paolo Maccari

Il ManifestoVide bene Luigi Baldacci, quando, in prefazione all’esordio letterario di Paolo Maccari, Ospiti (2000), trovò conferma della vocazione del giovane poeta nella “crudele lucidità” delle poche prose comprese in quella raccolta di versi. L’inclinazione di Maccari alla prosa poetica trova ora compiuta espressione nella sua nuova plaquette, Contromosse (prefazione di Luca Lenzini, postfazione di Giuseppe Di Bella), la cui seconda sezione – con la sola eccezione dell’Ouverture senza pudore lirica, che la inaugura – è interamente composta da prose. Si tratta sì di prose poetiche, contraddistinte però da una poeticità diversissima da quella delle canoniche prose liriche: per la scabra asciuttezza del dettato, queste prose sembrano piuttosto avvicinabili allo stile di Federigo Tozzi (a cui Maccari sembra riallacciarsi anche per una certa modalità di sguardo sul mondo animale), o a quello di un autore oggi ingiustamente trascurato: Romano Bilenchi (si ricordi che Maccari è il presidente dell’Associazione intitolata al narratore toscano).

Incontriamo gli amanti della poesia

martedì, 10 Settembre 2013 by
Contromosse di Paolo Maccari

Contromosse di Paolo MaccariEbbene si, tra qualche giorno ripeteremo quello che alcune volte abbiamo già provato a fare: parlare in pubblico di un libro di poesia.

Anche questa volta ci aiuteranno delle persone speciali, infatti insieme a l’autore di Contromosse Paolo Maccari verranno a tenerci compagnia presso la libreria Le Trame di Bologna, anche Matteo Marchesini e Alex Caselli.

Se amate la poesia, se conoscete almeno una di queste persone, saprete già che sarà un’esperienza da non perdere assolutamente!

Contromosse

mercoledì, 26 Giugno 2013 by
Contromosse di Paolo Maccari

Contromosse di Paolo MaccariSe in Fuoco amico, la precedente raccolta di Maccari, c’era spazio ancora per una forma di resistenza (seppur opposta a nemici kafkianamente imponderabili e nel perimetro di un’irrealtà appena squarciata da sintomi esterni di vita) qui, nonostante il titolo tatticamente bellicoso, siamo al principio di una resa.

I sogni, di cui nello sconcerto è pur grato il poeta, non sono comprensibili; non vengono più ricomposti nella disperante ricerca di un’identità attendibile in cui porsi e a cui opporre nemici riconoscibili.

Qui, occorre «smettere la fatica / abiurare smanie e pigrizie».

Quando la poesia mette in versi l'alienazione | di Enzo Golino

il Venerdì di RepubblicaVersi in francese, poi da lui stesso tradotti, anzi riscritti in italiano, e versi in italiano, titolo Entrare nel vuoto (con-fine, pp. 82, euro 10), prefazione Edoardo Zuccato, postfazione Giuseppe Di Bella), terza raccolta di Fabrizio Bajec: nato a Tunisi nel 1975, metà famiglia di origine slovena, studi in Italia, bilingue, vive a Parigi dove insegna il francese, sua lingua madre.

TOP