CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

Milena Nicosia. I Muri del Tempo

venerdì, 11 Maggio 2018 by
Milena Nicosia. I Muri del Tempo.

Milena Nicosia con la sua Arte colleziona assenze, vive della memoria propria e altrui, percependo suoni, odori, sapori di un passato dell’anima.

Tagged under: , ,
Connessioni, influenze, trasformazioni

Quando iniziamo a lavorare ad un nuovo libro della collana Passeurs in casa editrice proviamo tutti la curiosità di conoscere a fondo l’artista che ci ha scelti. Realizzare la monografia di un artista significa per un certo periodo stare a stretto contatto, lavorare in armonia, riuscire a capire fino in fondo le sue necessità, la monografia infatti

Reale F. Frangi. L’Oltre. Antologica

lunedì, 02 Ottobre 2017 by
Reale F. Frangi | L'oltre

Reale F. Frangi. L’Oltre. Antologica | a cura di Raffaela A. Caruso 8 ottobre > 16 novembre 2017 Inaugura sabato 7 ottobre presso Eidos Immagini Contemporanee Reale F. Frangi. L’oltre, antologica che nasce non solo dalla voglia del curatore Raffaella A. Caruso di presentare una “bella” mostra ma anche dalla necessità dell’Artista, dopo più di

Surrentum | Presentazione del percorso espositivo

Questa mostra dedicata alla pittura italiana del ventesimo secolo è la prima parte di un percorso che si concluderà con una seconda dedicata alla scultura e che si svolgerà da luglio a novembre. “Visioni Trasversali” vuole essere uno stimolo a guardare ad un secolo d’arte da punti di vista differenti, non convenzionali, che non seguano

Il Mattino | A Villa Fiorentino le visioni della grande pittura italiana

In esposizione le opere di 66 artisti del XX secolo fino al prossimo 26 giugno SORRENTO. Un’esposizione che offre a residenti e turisti la possibilità di ammirare le opere dei maggiori maestri italiani del Novecento. Si intitola «Visioni Trasversali nella pittura italiana del XX secolo» la mostra inaugurata ieri sera a Villa Fiorentino. Per il

In libreria il volume su Eduardo de Martino.

Eduardo De MartinoIl testo che segue è l’introduzione del libro scritto da Luigina de Vito Puglia ‘Eduardo de Martino. Da ufficiale di marina a pittore di corte’.

La pubblichiamo perché vogliamo darvi la possibilità di capire meglio il senso del lavoro di questa studiosa, per conoscere meglio la storia di questo volume e accompagnarvi alla scoperta di un importante personaggio della storia d’Italia.

Nel testo ci sono tante note che non abbiamo pubblicato per stuzzicare la vostra curiosità ad approfondire l’argomento…


Il 21 maggio 1912 moriva a Londra Eduardo de Martino, uno dei massimi esponenti della pittura di marina dei suoi tempi ma, purtroppo, una figura quasi sbiadita nella cospicua galleria dei personaggi illustri della Penisola sorrentina.

Chi era Teodoro Duclère?

martedì, 15 Ottobre 2013 by
Sorrentum | In mostra disegni e dipinti Teodoro Duclère al Museo Correale | di Filippo Merola

Teodoro Duclère | Il catalogoNato il 24 maggio 1812 a Napoli in una famiglia borghese di origine francese, rimasta a Napoli anche dopo la caduta del Murat.

Non abbiamo notizie sui primi anni di vita di Teodoro che abitò sempre nella zona di Chiaia, frequentata dai forestieri e da quei pittori di paesaggio che campavano la vita vendendo loro le più celebrate vedute della città. Fra i tanti Antonio Pitloo, l’olandese che avrebbe dato nuovo impulso alla rappresentazione del paesaggio napoletano, capostipite della cosiddetta Scuola di Posillipo, che abitava al vicolo del Vasto 15 dove verso il 1820 aveva aperto una libera scuola di paesaggio, frequentata fra gli altri da Giacinto Gigante e dal Vianelli.

Dal 1824 l’olandese insegnava alla Scuola di Paesaggio presso il Real Istituto di Belle Arti e qui il Duclère fu suo alunno, se già non lo era stato nello studio privato. Nei documenti dell’Archivio dell’Accademia si registra la costante partecipazione di Teodoro ai concorsi mensili fra il 1829 ed il 1831, con una serie di primi posti che ci mostrano i suoi progressi artistici dal giugno del 1829, quando in seconda classe risulta primo con un disegno dal vero di un albero di noce, al dicembre del 1830, quando in prima classe, passato dalla tecnica del disegno alla pittura, vince con uno studio di barche, dipinte dal vero alla Marinella col Vesuvio sullo sfondo.

Sorrentum | In mostra disegni e dipinti Teodoro Duclère al Museo Correale | di Filippo Merola

Sorrentum | Teodoro DuclèreSulla rivista Sorrentum di ottobre è stato pubblicato l’articolo che segue sulla mostra Teodoro Duclère disegni e dipinti del Museo Correale.

L’appuntamento con Duclère al Museo Correale di Sorrento è un evento straordinario sia per la bellezza delle sue opere sia per il lavoro che è stato fatto per riuscire a realizzare l’esposizione, ma ancora di più, il catalogo.

Insieme a Mario Russo, Andrea Fienga e Luisa Martorelli, i curatori, abbiamo pubblicato un libro che, come ha voluto sottolineare Loredana Conti, dirigente del settore Musei e Biblioteche, è da vedere e rivedere nel tempo: da gustare fino in fondo e da custodire con cura sugli scaffali della nostra biblioteca.

Vi auguriamo quindi di poter andare a visitare questa mostra che vi riempirà gli occhi e il cuore di tanta bellezza e di sfogliare le 352 pagine del catalogo di cui 272 racchiudono le opere di questo raffinato artista dell’Ottocento italiano. 

Il Mattino | Il bello del Sud nelle opere di Duclère | di Antonino Siniscalchi

Il MattinoSORRENTO. Disegni e dipinti del paesaggista napoletano Teodoro Duclère in mostra da oggi fino al 30 aprile, al Museo Correale. Le opere dell’allievo di Anton Sminck Pitloo, uno dei massimi esponenti della ‘Scuola di Posillipo’, illustrate in un elegante catalogo.

Il vernissage della rassegna in programma oggi alle 18 nella Sala degli specchi. Alla cerimonia, introdotta dal presidente del consiglio di amministrazione Giuliano Buccino Grimaldi e del direttore Filippo Merola, interverranno Loredana Conti, dirigente del settore Musei e biblioteche della Regione e Luisa Martorelli della Soprintendenza speciale per il Patrimonio storico artistico e etnoantropologico e Polo museale di Napoli, responsabile ufficio vincoli e catalogo della direzione Museo di San Martino.

Corriere del Mezzogiorno | Una vita spericolata | di Giovanna Mozzillo

Corriere del MezzogiornoUna vita che è tutta un’avventura, un’avventura con l’A maiuscola, un’avventura; ecco, che potrebbe divenir un film, ma di quelli come li fanno a Hollywood, con grandiose scene di esterni, una folla di comparse, e un primo attore dalla fisicità carismatica.

Caratterizzata cioè dalla «bella e svelta figura», dalla faccia «nobilissima» (ovviamente corredata di baffi, favoriti e chioma «scapigliata»), e dal portamento, infine, determinato e cordiale. Insomma con una fisionomia come quella che foto e cronache d’epoca attribuiscono a Eduardo de Martino. «Eduardo de Martino?», potrebbe chiedermi a questo punto il lettore, «ma chi caspita era costui? Non I’ho mai inteso nominare».

TOP