CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

Le Ville Romane

martedì, 03 Aprile 2018 by
Com'è nata la guida sulle Ville Romane?

A volte non ci si immagina cosa c’è dietro la realizzazione di un libro.

Presentazione nella sala consiliare. Fino al 26 esposizioni di modelli navali a Villa Fiorentino Sorrento. Oggi, alle ore 19, nella sala consigliare del Comune, sarà presentato il volume dal titolo “La marineria della penisola sorrentina e la cantieristica in legno da Marina d’Equa a Marina Grande”. Il volume, scritto da Biagio Passaro e Massimo Maresca.

L’antica tradizione marinaresca sorrentina sarà al centro del dibattito di domani alle 19 nella sala consiliare del Comune. Nel corso della kermesse, sarà presentato il volume-catalogo «La marineria della penisola sorrentina e la cantieristica in legno da Marina d’Equa a Marina Grande», ultima fatica di Biagio Passaro e Massimo Maresca. Oltre agli autori, prenderanno parte

Blind guides di Norman Douglas

martedì, 09 Febbraio 2016 by
Blind guides di Norman Douglas

Guide Miopi. Nelson, Caracciolo e la caduta della Repubblica Partenopea. Questo testo che Vincenzo Astarita ha voluto tradurre in occasione dell’evento “Buon compleanno Norman” che viene festeggiato ogni 8 dicembre e che ha l’obiettivo di tener viva la memoria della scrittore nella sua adorata Terra delle Sirene, è stato pubblicato per la prima volta nel numero

#iostoconRosa ma ci date una mano anche voi?

L’associazione culturale,  impegnata da cinque anni in iniziative di valorizzazione  del Museo Correale di Sorrento, appoggia in pieno la campagna di crowdfunding  promossa per la Mostra “Il giovane Salvator Rosa”. Nel generale clima di consensi ed approvazioni che sta riscuotendo l’iniziativa di finanziare attraverso il crowdfunding l’imminente Mostra del Museo Correale di Sorrento, dedicata ai

Come ti disegno la cartina di Meta?

martedì, 13 Gennaio 2015 by
Cartina Storico Turistica di Meta
Cartina storica di Meta - il Casale

Particolare della Cartina storico-turistica di Meta – il Casale e dintorni

E’ un po’ di tempo, ormai, che stiamo lavorando ad un progetto molto impegnativo sia dal punto di vista tecnico che da quello editoriale: la cartina storico-turistica di Meta.

Carlos Pambianchi, ha avuto l’arduo compito di ‘riportare su carta’ strade, monumenti, chiese, parchi, di questo piccolo, ma interessante paese della Penisola sorrentina.

Al termine del suo lavoro, quindi, gli abbiamo chiesto di raccontarcelo per conoscere nel dettaglio come ha affrontato questa piccola ‘sfida’.

Camillo Paturzo chi?

venerdì, 21 Novembre 2014 by
Camillo Paturzo chi?

Camillo PaturzoLa domanda del titolo è la stessa che si è materializzata nella mente di Raffaele Mormile quando sente chiedere all’interno di un negozio di musica da un passante uno spartito musicale dal titolo ‘La grotta azzurra’ di Camillo Paturzo che, come gli spiega lo stesso, è compositore di origini metesi vissuto nell’Ottocento.

La voglia di approfondire la storia di questo personaggio originario del suo paese, musicista come lui, diventa irresistibile e così, cercando informazioni scopre che il legame tra Camillo Paturzo e la città di Meta nasce dal merito riconosciuto a questo grande compositore, poeta e musicista che fece respirare al paese aria di melodramma e di bel canto.

Decide quindi che è arrivato il momento di dare lustro e gloria ad questo suo importante concittadino dimenticato che ebbe l’onore di dirigere per la prima volta l’Ernani di Giuseppe Verdi a Napoli e con il quale  più volte Gaetano Donizetti si confrontò sulle sue opere.

Il Mattino | Marineria sorrentina tra storia e gloria | di Vincenzo Aiello
De Simone, un brigantino a palo alto in mare.

De Simone, un brigantino a palo alto in mare.

Dopo l’unità d’Italia la cantieristica navale del Piano raggiunse il suo apice. Furono varati centinaia di bastimenti per la navigazione di lungo corso.
Gli armatori sorrentini consolidarono le loro posizioni sulle rotte per il Nord America e accrebbero la dimensione dei bastimenti adottando il brigantino a palo.

Il Mattino | Marineria sorrentina tra storia e gloria | di Vincenzo Aiello
Il brigantino Armida, varato nel 1867 alla marina di Alimuri, Meta.

Il brigantino Armida, varato nel 1867 alla marina di Alimuri, Meta.

Le guerre napoleoniche e i mutamenti politici che ne derivano provocarono una crisi del commercio marittimo meridionale, anche se la riorganizzazione da parte dei francesi dell’arsenale di Castellammare con l’ammodernamento delle tecniche costruttive fu rilevante per la cantieristica sorrentina.

La ripresa dei traffici nel Mediterraneo e nel Nord Europa negli anni Trenta dell’Ottocento trovò i sorrentini pronti alla sfida.

Il Mattino | Marineria sorrentina tra storia e gloria | di Vincenzo Aiello
Navi-Baugean-Feluca

Baugean, feluca napoletana all’ormeggio

Le caratteristiche ‘insulari’ della penisola sorrentina fino alla apertura della strada rotabile nel 1834 hanno spinto i sorrentini verso il mare fin dall’antichità. Sulle spiagge delle marine si costruivano nei primi secoli dell’età moderna le imbarcazioni per il commercio di cabotaggio con Napoli, grande mercato di consumo delle produzioni locali, e con le località costiere del golfo di Salerno. Le barche erano saettie e feluche armate a vela latina

Nel corso del XVIII secolo la marineria sorrentina s’inserì nel commercio marittimo in tutto il Mediterraneo, specializzandosi in particolare nel commercio del grano. Le navi caricavano negli approdi  della Puglia e della Sicilia, ma anche del Mediterraneo orientale, per trasportare i cereali a Napoli e nei porti di Marsiglia, Tolone, Barcellona, Alicante, Cartagena, Cadice. Le imbarcazioni varate nei cantieri di Cassano e Alimuri diventarono sempre più grandi.

TOP