FORGOT YOUR DETAILS?

Corso Italia news | Fondazione Sorrento ospita Mario Sironi: inaugurata la mostra dell’anno

Provengono dalle collezioni di Andrea Sironi-Strauẞwald, dalla Galleria Cinquantasei e da collezionisti privati le 80 opere esposte a Villa Fiorentino in occasione della Mostra “Mario Sironi – Illustrazione, Pittura, Grande Decorazione”, inaugurata ieri e visitabile fino al 20 aprile prossimo. Promotori dello straordinario evento sono il Comune di Sorrento e la Fondazione Sorrento: il sindaco

Mario Sironi. Un nuovo appuntamento con la grande Arte.

La mostra curata da Claudio Spadoni, Estemio Serri e Gino Fienga e promossa dalla Fondazione Sorrento in collaborazione con il Comune di Sorrento, ospiterà opere dell’artista provenienti dalla collezione di Andrea Sironi Straußwald, dalla collezione della Galleria Cinquantasei, da collezionisti privati e sarà suddivisa in tre sezioni: – la Pittura, opere dagli anni Venti al

Il Mattino | Il bello del Sud nelle opere di Duclère | di Antonino Siniscalchi

Il MattinoAmmettiamolo: gran parte dell’immagine internazionale di Napoli, della sua fama paradisiaca e ornamentale ci viene dalla grande e piccola pittura dell’Ottocento.
La Campania e il Sud erano un laboratorio e un terreno di caccia eccezionale per chi, armato di tavolozza (e non solo), colori e pennelli, catturava l’anima di una terra che univa natura e cultura, umanità e dolore, rovine e paesaggi.
Tutto si prestava al colpo d’occhio immediato che fotografava e poi completava con l’arte dei colori l’anima di un luogo.
Nella complessità e ricchezza di un secolo romantico e impressionista, spicca a Napoli la Scuola di Posillipo, definizione usata, inizialmente, con intenzione spregiativa dagli accademici per indicare artisti che usavano tecniche inusuali per la prima metà dell’Ottocento, stretta tra gli epigoni del Neoclassicismo e i furori del Romanticismo.
Sia come sia, il tempo ha dato ragione agli eretici, che sono diventati addirittura un paradigma dell’immagine di Napoli, imitati fino a oggi dalla pittura popolare più legata alla tradizione che attrae come una calamita soprattutto i forestieri.

Sorrentum | In mostra disegni e dipinti Teodoro Duclère al Museo Correale | di Filippo Merola

Sorrentum | Teodoro DuclèreSulla rivista Sorrentum di ottobre è stato pubblicato l’articolo che segue sulla mostra Teodoro Duclère disegni e dipinti del Museo Correale.

L’appuntamento con Duclère al Museo Correale di Sorrento è un evento straordinario sia per la bellezza delle sue opere sia per il lavoro che è stato fatto per riuscire a realizzare l’esposizione, ma ancora di più, il catalogo.

Insieme a Mario Russo, Andrea Fienga e Luisa Martorelli, i curatori, abbiamo pubblicato un libro che, come ha voluto sottolineare Loredana Conti, dirigente del settore Musei e Biblioteche, è da vedere e rivedere nel tempo: da gustare fino in fondo e da custodire con cura sugli scaffali della nostra biblioteca.

Vi auguriamo quindi di poter andare a visitare questa mostra che vi riempirà gli occhi e il cuore di tanta bellezza e di sfogliare le 352 pagine del catalogo di cui 272 racchiudono le opere di questo raffinato artista dell’Ottocento italiano. 

In libreria il volume su Eduardo de Martino.

Eduardo de Martino a MetaDa 7 al 10 agosto l’associazione dei commercianti del Casale di Meta (NA) ha organizzato un’esposizione delle opere di Eduardo de Martino tratte dal libro curato da Luigina de Vito Puglia.

Eduardo de Martino ha navigato per molti mari e ha visitato terre lontane, ha vissuto una vita ricca di avvenimenti e ha cercato (e ci è riuscito) di diventare uno dei più grandi pittori di marine. Non è stato riconosciuto in Italia come tale, ma in Inghilterra, dove ha raggiunto il suo successo. Le sue opere, disegni e olii di rara bellezza, ne testimoniano l’alto livello raggiunto.

Eduardo de Martino in Italia e a Meta (il suo paese natio) purtroppo è poco conosciuto, la sua vita l’ha portato lontano e forse per questo motivo il suo paese d’origine l’ha dimenticato. Non tutti però…

L'affascinante storia delle Seicentine della Biblioteca del Museo Correale a Sorrento

Mostra Le Seicentine al Museo CorrealeNella vita di un museo, una mostra è un’iniziativa per attirare l’attenzione del pubblico, sia di quello che lo ha già visitato sia di quello che vive con la lacuna di non averne mai percorse le stanze. Ed il Museo Correale di Sorrento, quasi periodicamente, realizza queste iniziative. Ma lo scopo è anche quello di rendere noto, a quanti lo ignorano e potrebbero avervi interesse, il patrimonio che possiede e sviluppare nuovi stimoli di ricerche e possibilità di arricchimento culturale.

Dopo L’Erbario essiccato di Domenico Coscarelli (2006) ed il catalogo Le Cinquecentine della Biblioteca del Museo Correale (2008), per le corrispondenti mostre, oggi è il turno di mostra e catalogo per Le Seicentine che saranno presentati al pubblico nella cerimonia di sabato 22 giugno alle ore 10,30.

Il Museo Correale, che Amedeo Maiuri definì “il più bel museo di provincia d’Italia”, voluto dalla munificenza di Pompeo e Alfredo Correale, si presenta nella sua ricchezza e vivacità con le varie collezioni, fra le quali si distinguono quelle di ceramiche e porcellane (tra le più ricche d’Europa), di pitture dell’Ottocento paesaggistico napoletano (ricchissima in particolare di pitture dì Duclère, maestro ed amico di Pompeo Correale), di capolavori dell’artigianato sorrentino (dono di Saltovar), di reperti archeologici locali e (ultimo acquisto) di ventagli dal ‘700 al ‘900 (dono di Mariella Grazia).

L'affascinante storia delle Seicentine della Biblioteca del Museo Correale a Sorrento

130618_IlMattinoSorrento. “Le Seicentine della Biblioteca del Museo Correale”, edizioni del XVII secolo, in mostra da sabato prossimo fino al 31 dicembre al Museo Correale. Il vernissage sabato alle 10.30, con l’inaugurazione della rassegna e la presentazione del catalogo, curato da Mario Russo. Interverranno, con il presidente del consiglio di amministrazione e del direttore del Museo Correale, Giuliano Buccino Grimaldi e Filippo Merola, Loredana Conti, Giuliana Gargiulo e Antonino Cuomo. “Nella schedatura delle edizioni del XVII secolo del patrimonio librario custodito dal Museo Correale – spiega Mario Russo – sono stati analizzati ben 140 esemplari che coprono tutto il secolo, a partire dal 1600 fino al 1699. il volume delle sei centine viene dedicato alla memoria di Manfredi Fasulo, benemerito conservatore di questo museo per molti anni, in riconoscenza e ricordo della sua meritoria attività al servizio dell’Ente Museo”.

Il MattinoSorrento. Quattro sculture monumentali, posizionate negli angoli più suggestivi della città, hanno alimentato per giorni la curiosità della vigilia. Ma sono state solo la prima della attrazioni turistiche dell’estate. Una sfida per Sorrento per tenere alti i numeri dei visitatori. Ieri sera, l’attesa è finalmente finita. Dopo un vernissage in grande stile, è aperta al pubblica The Dalì Universe Sorrento, una mostra di opere dell’artista spagnolo, promossa dalla Fondazione Sorrento, in collaborazione con l’amministrazione comunale. Cento i capolavori che sono ospitati a Villa Fiorentino e resteranno visibili fino al 29 settembre (orari 10-13, 17-22, ingresso € 5).

Sorrentum | The Dalì Universe Sorrento


Sorrentum
Più di 100 opere del Maestro del Surrealismo in un’esposizione unica, in programma dal 14 di giugno al 29 settembre 2013 a Villa Fiorentino, “The Dalì Universe Sorrento’: la mostra interamente dedicata a Salvador Dalì è un’occasione davvero speciale, che permette al pubblico di avvicinarsi agli aspetti meno noti del lavoro del grande artista, scoprendo opere ancora poco conosciute, come la scultura monumentale “Omaggio a Tersicore” mai esposta fino ad oggi. Un’ampia selezione di diverse opere tra cui sculture in bronzo, oggetti in vetro, oro, collages e raccolte grafiche di Dalì illustratore verranno posizionate all’interno ed all’esterno di Villa Fiorentino con l’intenzione esplicita di rivelare la fonte di ispirazione del genio di Salvador Dalì, per promuovere la comprensione della vita e dell’arte del Maestro.

Questo percorso espositivo, consentirà ai visitatori di Immergersi nel labirinto della mente del Maestro e di ammirare i risultati creativi della sua infinita immaginazione.

TOP