CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

I topi di Sergio Saggese (l'intervista di Angie Cafiero)

Sergio Saggese, ospite dell’associazione Sfumature in equilibrio, racconta il suo romanzo Codamozza intervistato da Angie Cafiero.

L’incontro di venerdì 13 febbraio è stato piacevole e interessante grazie a Sergio che riesce in maniera sapiente a discutere della sua opera letteraria e grazie alla splendida accoglienza ricevuta presso la sede di Corso Italia News.

Come ti disegno la cartina di Meta?

martedì, 13 Gennaio 2015 by
Cartina Storico Turistica di Meta
Cartina storica di Meta - il Casale

Particolare della Cartina storico-turistica di Meta – il Casale e dintorni

E’ un po’ di tempo, ormai, che stiamo lavorando ad un progetto molto impegnativo sia dal punto di vista tecnico che da quello editoriale: la cartina storico-turistica di Meta.

Carlos Pambianchi, ha avuto l’arduo compito di ‘riportare su carta’ strade, monumenti, chiese, parchi, di questo piccolo, ma interessante paese della Penisola sorrentina.

Al termine del suo lavoro, quindi, gli abbiamo chiesto di raccontarcelo per conoscere nel dettaglio come ha affrontato questa piccola ‘sfida’.

Camillo Paturzo chi?

venerdì, 21 Novembre 2014 by
Camillo Paturzo chi?

Camillo PaturzoLa domanda del titolo è la stessa che si è materializzata nella mente di Raffaele Mormile quando sente chiedere all’interno di un negozio di musica da un passante uno spartito musicale dal titolo ‘La grotta azzurra’ di Camillo Paturzo che, come gli spiega lo stesso, è compositore di origini metesi vissuto nell’Ottocento.

La voglia di approfondire la storia di questo personaggio originario del suo paese, musicista come lui, diventa irresistibile e così, cercando informazioni scopre che il legame tra Camillo Paturzo e la città di Meta nasce dal merito riconosciuto a questo grande compositore, poeta e musicista che fece respirare al paese aria di melodramma e di bel canto.

Decide quindi che è arrivato il momento di dare lustro e gloria ad questo suo importante concittadino dimenticato che ebbe l’onore di dirigere per la prima volta l’Ernani di Giuseppe Verdi a Napoli e con il quale  più volte Gaetano Donizetti si confrontò sulle sue opere.

In libreria il volume su Eduardo de Martino.

Meta-NapoliEduardo de Martino nacque nel 1838 a Meta (NA) e fu uno di quei personaggi che lasciano nella memoria collettiva un’immagine di sé piena di fascino e suggestioni. Le sue opere d’arte sono di una raffinatezza rara, capace di coniugare un’eccellente abilità tecnica e una sottile ricerca formale. Uomo di forte personalità e determinazione, frequentatore di corti e milizie, impegnato politicamente, sostenitore del diritto e della libertà, difensore del meridione d’Italia, ma anche artista romantico.

Il Mattino | Oggi si presenta “La novella sorrentina”

Il MattinoQuesta mattina alle ore 11, nella Sala degli specchi del Museo Correale, presentazione del volume “Novella Sorrentina” il cui ricavato andrà devoluto alla Casa Famiglia Miriam di Meta.

Edizione anastatica e trascrizione del libro di Giuseppe Aurelio Lauria curato da Nella Pane e Maria Nives Reale realizzato grazie al contributo della Navigazione Libera del Golfo della famiglia Aponte.

Quasi come in libreria.

È tutto pronto ormai per la presentazione del nuovo libro Novella Sorrentina edizione anastatica e trascrizione del libro di Giuseppe Aurelio Lauria curato da Nella Pane e Maria Nives Reale. Il racconto ambientato a Meta è un affresco dei luoghi e dei personaggi che vivevano in Penisola sorrentina all’inizio dell’Ottocento e racchiude avventure, amori difficili,

Corriere del Mezzogiorno | Una vita spericolata | di Giovanna Mozzillo

Corriere del MezzogiornoUna vita che è tutta un’avventura, un’avventura con l’A maiuscola, un’avventura; ecco, che potrebbe divenir un film, ma di quelli come li fanno a Hollywood, con grandiose scene di esterni, una folla di comparse, e un primo attore dalla fisicità carismatica.

Caratterizzata cioè dalla «bella e svelta figura», dalla faccia «nobilissima» (ovviamente corredata di baffi, favoriti e chioma «scapigliata»), e dal portamento, infine, determinato e cordiale. Insomma con una fisionomia come quella che foto e cronache d’epoca attribuiscono a Eduardo de Martino. «Eduardo de Martino?», potrebbe chiedermi a questo punto il lettore, «ma chi caspita era costui? Non I’ho mai inteso nominare».

In libreria il volume su Eduardo de Martino.

Eduardo de Martino a MetaDa 7 al 10 agosto l’associazione dei commercianti del Casale di Meta (NA) ha organizzato un’esposizione delle opere di Eduardo de Martino tratte dal libro curato da Luigina de Vito Puglia.

Eduardo de Martino ha navigato per molti mari e ha visitato terre lontane, ha vissuto una vita ricca di avvenimenti e ha cercato (e ci è riuscito) di diventare uno dei più grandi pittori di marine. Non è stato riconosciuto in Italia come tale, ma in Inghilterra, dove ha raggiunto il suo successo. Le sue opere, disegni e olii di rara bellezza, ne testimoniano l’alto livello raggiunto.

Eduardo de Martino in Italia e a Meta (il suo paese natio) purtroppo è poco conosciuto, la sua vita l’ha portato lontano e forse per questo motivo il suo paese d’origine l’ha dimenticato. Non tutti però…

In libreria il volume su Eduardo de Martino.

Il 30 giugno 2013 il libro Eduardo de Martino. Da ufficiale di marina a pittore di corte verrà presentato presso il Centro Culturale comunale di Piano di Sorrento. L’evento inizierà alle 20 e gli ospiti potranno incontrare Luigina de Vito Puglia, l’autrice del libro, la Prof.ssa Maria Sirago che si occuperà della presentazione e Rosario di

Art & Dossier | Eduardo de Martino. Da ufficiale di marina a pittore di corte | di Gloria Fossi

Art & DossierEcco una puntigliosa ricerca di Luigina de Vito Puglia su De Martino, pittore campano di marine (Meta 1838 – Londra 1912). Questa interessante microstoria indaga su vita e parte delle opere (disegni e dipinti) di un artista celebrato certo più in America del Sud e a Londra – dove visse e lavorò – che da noi. Le ricerche ampliano le già notevoli indagini di  Roberto Vittorio Romano (Eduardo de Martino, Marina militare Roma 1998) che al poliedrico personaggio, importante anche per la storia della marineria, dedicò pure una voce sul Dizionario biografico degli italiani (volume 38, 1990). «Di bella e svelta statura, con baffi neri e cappellaccio alla Van Dyck», con un vestito nero «la cui bottoniera va sempre adorna d’uno scelto mazzolino di fiori», Eduardo aveva «una favella facile immaginosa, il tutto condito con u n po’ di ricercatezza », come ricorda il critico Federico Verdinois ai tempi in cui l’artista e le sue marine erano celebrati nelle Americhe.

TOP