FORGOT YOUR DETAILS?

Il silenzio della Gioconda di Pippo Lombardo
Roma 2 (Basilica di San Paolo) di Yorgo Manis

Roma 2 (Basilica di San Paolo) di Yorgo Manis

La comprensibilità fenomenica, prerogativa storica di un approccio figurativo ancora valido, ci può aiutare a riflettere sul valore atavico della rappresentazione.

Hans-Georg Gadamer accosta la lettura di una poesia, quando è riuscita, allo sciogliersi di un canto. Da un insieme di momenti distinti, da una molteplicità di tentativi, l’esecuzione irripetibile fa risuonare la sua unicità in una nuova forma. Questa considerazione sulla pratica estetica chiude Il Silenzio della Gioconda, il testo di Pippo Lombardo pubblicato dall’editore Con-fine. Oltre a essere chiave di lettura del denso e coinvolgente dettato dell’autore, il pensiero finale ci aiuta a ricostruire una rete di corrispondenze tra le varie suggestioni presentate nel volume. Muovendosi liberamente nell’immaginario artistico classico occidentale, la trattazione mira al delineamento di una particolare visione della contemporaneità. L’intento è giungere ad esperienze recenti attraverso una prospettiva costruita nella piena coscienza dei contenuti dei capolavori del passato. L’attenzione si focalizza sulle varie stratificazioni filosofiche che sopravvivono nelle profondità delle scelte di segno e colore. Cercando di trasporre nel presente ogni istanza, l’autore suggerisce un punto di vista assolutamente attuale. In questo senso, ogni assunto si accompagna ad una spontanea rivalutazione della comprensibilità fenomenica. Prerogativa di un approccio figurativo ancora valido, questa particolare concezione della storia ci può aiutare a riflettere sul valore atavico della rappresentazione.

Inaugurata la collana 'effimera' con "Il silenzio della Gioconda" di Pippo Lombardo.

Attraverso l’analisi dell’artista contemporaneo, sempre più divo e sempre più schiavo del mercato e delle lusinghe del sistema arte, Lombardo lascia emergere un abbozzo di progetto che riporta – da un lato – l’artista ad una nuova consapevolezza libera dalle regole del sistema stesso; dall’altro – quello della critica verso un rinnovato ruolo speculativo, in grado di arginare l’esuberanza dell’impeto creativo (non certo per mortificarlo, ma per “educarlo”) ridando importanza all’opera attraverso la misurazione degli effettivi valori estetici, ma anche sociali storici psicologici…. 

Un continuo scambio dialettico: unica cura possibile per lenire le ferite di un’asfittica arte contemporanea e per spingere l’artista verso una ri-presa di coscienza che possa finalmente renderlo libero di fare della sua opera ciò che davvero sente. 

TOP