CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

Stefania Sergi

Stefania Sergi nata a Cagliari nel 1962, pittrice, scultrice, poeta, vive e lavora in Toscana.

A diciotto anni lascia la sua terra natia. Si trasferisce a Roma, dopo gli studi umanistici, espatria in Germania, qui nel 1989 vive il fervore della Neue Wild Art. Nel 1994 on i suoi figli piccoli, di nuovo a Roma, per un ulteriore trasferimento nel 1997 all’estero. Nel 1999 mette radici in Toscana, e trova finalmente quella terra ricca di richiami per la sua arte.

L’attività espositiva è molto intensa, presente in campo nazionale e internazionale da più di venticinque anni. Affermata anche in ambito poetico, ha pubblicato due libri, è presente su diversi testi critici e antologie, enciclopedie. Ha ricevuto diversi riconoscimenti.

Dal patrimonio spirituale della sua terra natia nasce la sua vocazione sperimentale. La ricerca di tecniche e materiali diversi è ricca e originale, si caratterizza come sperimentatrice unendo alla scrittura la pittura, la scultura, il rilievo, il murale, Body Art, libri d’artista, fino ad arrivare agli interventi ambientali e alle performance. L’opera dell’artista si contraddistingue per un’incessante meditazione sul corpo femminile. Il tema fondamentale l’intreccio e le trame dei legami umani.

L’impegno sul filo appartiene al suo lavoro di anime erranti, trovare un legame umano, spaziale e temporale che ci leghi e ci liberi. Se questo legame non avviene, come noi desideriamo resta appesa sulla nostra anima il nodo insoluto. Il conflitto, quindi tra il desiderio di legarci e di slegarci. è il filo della vita che ci indica la via apparentemente contraddittoria di libertà o di solitudine. Tuttavia, dall’unione di più fili dentro e fuori, dal loro intricarsi sono generati nodi, la cui presenza sulla corda tirata, influenza tutto il corpo cui, il filo si lega, trasformando l’eventuale rottura in legame; in eguale maniera i legami che continuiamo a creare nella vita, ci rafforzano e ci formano eternamente.

TOP