FORGOT YOUR DETAILS?

Stazione omicidi. Vittima numero 1 | Vittima numero 2 di Massimo Lugli

Lo scrittore di thriller italiani più americano per ritmo e suspense, il giornalista di nera e romano Massimo Lugli, abbandona il suo primo personaggio il giornalista Corvino, che gli era valso una cinquina allo Strega ed inaugura un’altra serie “Stazione omicidi (Vittima n° 1 e 2, euro 9.90; Newton Compton)” che vede come protagonista l’ispettore

Un ossimoro in lambretta di Patrizia Carrano

Chi oggi conosce Giorgio Manganelli, lettore onnivoro, anglista, esperto dell’arte della fuga? Per i non addetti ai lavori consigliamo “Un ossimoro in lambretta, labirinti segreti di Giorgio Manganelli (pagg. 84, euro 13; Gaffi-Italo Svevo)” , scritto da Patrizia Carrano. Un librino – meglio sarebbe dire libriccino – che narra della vita di false partenze di

L'altro capo del filo di Andrea Camilleri

  A quanti ‘Montalbano’ è arrivato Camilleri? Ha ancora senso recensirlo? Io il maestro di Porto Empedocle lo leggo perché mi diverte assaporare la sua lingua coltamente ibridata da quelle belle forme contadine, perché mi diverte in assoluto e perché asseconda quella corda che un altro maestro girgentano Leonardo Sciascia definiva ‘civile’. Quindi “L’altro capo del

Bartolomeo Capasso e la Libreria Tasso

Due ristampe anastatiche dello storico Bartolomeo Capasso sono la proposta libraria delle Edizioni Libreria Tasso di Stefano ed Angela Di Mauro da poco in libreria. “Sul catalogo dei feudi e dei feudatari delle provincie napoletane sotto la denominazione normanna (pagg. 84, euro 12; ELT)”  e “Topografia storico-archeologica della penisola sorrentina (pagg. 108, euro 12; ELT)”

La battaglia navale di Marco Malvaldi

Ritorna Marco Malvaldi, il quarantenne scrittore pisano, che ha inventato il BarLume il regno del barista Massimo e della sua posse geriatrica con “La battaglia navale (pagg. 192, euro 13; Sellerio)”. Un nuovo omicidio – “a Pineta ce n’è uno all’anno” – di una ragazza ucraina che viene riconosciuta – dopo che il mare l’ha

Il suonatore di pietre di Sergio Saggese

Ogni volta che leggo un romanzo dello scrittore napoletano Sergio Saggese  – lo seguo dai tempi dei “Racconti azzimi (Compagnia dei trovatori, 2006)” – mi chiedo come mai le grandi case editrici non lo pubblichino: ma la risposta che mi sono dato non depone a loro merito… Ora c’è in libreria il suo ultimo noir

“Ci pensate se le parole potessero cambiare le cose – dice Destinaccio -, uno per esempio può dire cràstule e le schegge si ammorbidiscono come il carattere dei napoletani, che non ha spigoli e lati taglienti, bensì solo rotondità, sul tipo delle architetture barocche”. Vincenzo Gambardella è un autore napoletano trapiantato per travaglio a Milano,

Il mistero del giglio scarlatto di Alferio Spagnuolo

C’è una strana atmosfera ottocentesca che non è usuale nei gialli da Napoli odierni, che pervade “Il mistero del giglio scarlatto (pagg. 184, euro 10; Robin edizioni)”, il nuovo noir scritto dal 50enne Alferio Spagnuolo, che avevamo già letto nel 2006 in “L’ultima verità (Kairòs edizioni)”, giallo scritto però – a quattro mani – con

Il linguaggio sportivo ed altri scritti (1956-1993) di Paolo Volponi

Piacerebbe a Maurizio Sarri, uomo di campo e di letture e con un occhio alla realtà italiana,  questo “Il linguaggio sportivo ed altri scritti (1956-1993)” dello scrittore industrialista Paolo Volponi, che esce oggi per i tipi di ad est dell’equatore (pagg. 135, euro 10), a cura dello studioso Alessandro Gaudio. Otto interventi diffusi nello spazio

Le mele di Kafka di Andrea Vitali

mercoledì, 11 Maggio 2016 by
Le mele di kafka | Andrea Vitali

Ci sono solo tre narratori in Italia pieni di storie legate alle loro terre che non debbano per forza o per marketing fare gialli o noir: Pennacchi, Camilleri ed Andrea Vitali, il medico bellanese con la passione per la psichiatria. Quante storie ha scritto Vitali di quel suo microcosmo?, non ne portiamo più il conto;

TOP