CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

A proposito di Absolute

Absolute racconta la storia di Marco Cicala

A proposito di Absolute

martedì, 16 Giugno 2015 by
A proposito di Absolute
Sergio Saggese e Absolute

Sergio Saggese e Absolute

Non sono un tipo da scrivania. Leggo sul tavolo da cucina e mi circondo di quanto occorre per la lettura come se apparecchiassi: occhiali, matita, post-it, penna e segnalibro al posto delle posate, il romanzo “Absolute” di Marco Aragno al centro come un piatto.

Faccio un primo assaggio. S’un totale di centocinquant’uno pagine ne butto giù cinquanta d’un fiato. Mi sono già fatto il palato con la recensione di Antonio Menna presente sulla bandella, ho annusato il libro prima di scorrere il risvolto di copertina. Alla fine l’ho scostata, la bandella, come una tenda, per entrare nel frontespizio.

Leggo come andassi a pesca. Manco a farlo apposta sto a tema con Menna che parla di “pesci fuor d’acqua”. Sottolineo come i pescatori sondano le parti di mare guaste o fertili. Più il libro è fertile più pesco. Uso l’amo della sottolineatura. La prima parola catturata è “cambiamenti”. La trovo nella citazione di Darwin di pagina 8. Una citazione sulla forza, sull’intelligenza, sui cambiamenti e sulla sopravvivenza. Quanto ai cambiamenti necessari per sopravvivere, un lettore come me cambia cambiando pagine e sopravvive soltanto se trova di che nutrirsi nelle parole. Questo romanzo ne è ricco. Non cerca fronzoli. Le più nutrienti sono quelle intrise di follia. Pesco la parola “normale”, la più folle di tutte. Sta a pagina 9. Mi chiedo cosa sia la normalità. L’illusione ch’esistano cose “normali” è forse il primo segno che siamo tutti fuori di testa. Un buon libro – e questo lo è – ti fa prudere la mente di domande.

Tra meno di un mese… Absolute!

mercoledì, 25 Marzo 2015 by
Absolute - Il Romanzo di Marco Aragno per con-fine edizioni

La nascita di un nuovo libro richiede sempre una lunga gestazione e devo proprio dire che Absolute, il nuovo romanzo di Marco Aragno, non è stato da meno.

L’abbiamo letto e riletto, abbiamo corretto errori, errorini, sviste, virgole e punti, abbiamo giocato insieme ai lettori (o futuri tali, speriamo) per riuscire a trovare la copertina più adatta, abbiamo fatto conoscere il protagonista del libro e, insieme, anche l’autore, ci siamo messi un po’ in gioco anche noi, sempre alla ricerca di buoni libri e di buoni amici con cui condividerli e, finalmente, la copertina c’è e anche la data di uscita…

Una copertina per Absolute

venerdì, 06 Marzo 2015 by
Una foto per Absolute

Una-foto-per-AbsoluteFinalmente ce l’abbiamo, o quasi… L’immagine è stata scelta e ora è necessario mettersi all’opera per trasformarla nella copertina del romanzo di Marco Aragno che, giustamente, non vede l’ora che tutto sia pronto, che il suo libro venga dato alle stampe.

Ecco chi è Marco Cicala!

martedì, 03 Febbraio 2015 by
Una foto per Absolute

Aragno_BannerPost

Da poco più di un mese stiamo raccogliendo in un album sulla nostra pagina di Facebook le fotografie, che tanti di voi ci hanno inviato, per partecipare alla selezione da cui verrà estratta quella che diventerà l’immagine di copertina del nuovo romanzo di Marco Aragno dal titolo ‘Absolute’.

Il mese di febbraio sarà dedicato solamente alle ‘votazioni’ attraverso le preferenze (i ‘mi piace’) di tutti quelli che vorranno esprimere il loro parere.

Giovanni Drogo

mercoledì, 26 Novembre 2014 by
Racconto di Marco Aragno | Giovanni Drogo

Racconto di Marco Aragno“Allora? Quale porto?’’. Il maglione blu e quello rosso sono piegati sul letto, in silenziosa competizione. La valigia è ancora aperta, stracolma di cose da portare.

Alle mie spalle gracchia il televisore acceso. Il tg manda in onda le ultime immagini dall’Italia. ‘Il Paese nella morsa del gelo’, recita la giornalista. ‘Decine di morti, disagi alla viabilità, strade in tilt’. Nel servizio compare un serpentone di macchine e camion bloccati nella notte sulla statale di Sora. Poi la scena si sposta su un paesino dell’Abruzzo sepolto dalla neve. Infine una ripresa dall’alto mostra il Colosseo completamente imbiancato.

L’Italia di questi giorni mi sembra un mondo lontano, da casa mia, un pianeta apparso attraverso lo schermo del televisore.

Nella provincia nord di Napoli, dimenticata da Dio e dalle telecamere, l’inverno che sta rovesciando sull’Europa neve e morti è arrivato quasi distrattamente. Il vento che fa ballare i pali della luce giunge ormai fiaccato dopo aver spazzato le cime dell’Appenino. È  solo un vago ricordo della tormenta che ha trasformato l’Italia in un pezzo di Siberia.

Tagged under:
TOP