CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

Filo di pensiero. Dialogo sul mito con Laura Celentano

Tempio

Il mito è lo spazio che si dà alla fantasia ed all’emozione, indipendentemente da una logica stringente

(Laura Celentano).

 

Smuove molte emozioni, rimaste latenti, ma non annichilite da questo tempo digitale nemico della memoria, quest’intervista che il magistrato Ernesto Anastasio confezionò, in forma sonora, con la docente del liceo classico “Publio Virgilio Marone” di Meta, Laura Celentano, due giorni prima del suo passaggio ad un’altra dimensione.

Quello che colpisce lo scrivente non è solo l’estrema erudizione di una prof. che aveva dedicato la sua vita all’insegnamento, ma il ricordo di quel suo particolare argomentare, saltabellante da epoche e luoghi culturali diversi, che lungi dall’essere un percorso muscolare intellettuale, rappresentava il suo modo di “formare” i discenti, non solo allo studio, essenzialmente logico delle lingue cosiddette morte, ma al “corso dei pensieri” della vita”.

Filo di pensiero. Dialogo sul mito con Laura Celentano

Erano molti anni che, di tanto in tanto, ripensavo a questo testo, rimasto silenzioso sul fondo di qualche cassetto metese, in attesa che ritornasse il suo momento. Ne avevo dimenticato le parole, ma non il suono della voce che le aveva pronunciate: la stessa che, giorno dopo giorno avevo dovuto sopportare negli anni del liceo,

In libreria "Vicolo dei Lavandai": dialogo fra Flaminio Gualdoni e Arnaldo Pomodoro

Ci sono principalmente due ragioni per le quali ho voluto pubblicare questo libro.

La prima è stata determinata da una contingenza: la chiusura degli spazi espositivi della Fondazione Pomodoro, in via Solari a Milano; la perdita, non solo per la città, ma per la cultura in generale, di un luogo che aveva un approccio intellettuale, nei confronti del rapporto attività-comunità, oggi ancora assai raro.

Così, mi è sembrato doveroso documentare in forma cartacea questo momento perché le parole di Arnaldo Pomodoro e di Flaminio Gualdoni possano ri-manere e diventare, per tutti, spunto di riflessione e di dibattito sulle potenzialità, ma anche sulle problematiche, con cui gli spazi espositivi contemporanei si devono confrontare.

La seconda riguarda il fascino che da sempre esercitano su di me i lavori di Arnaldo Pomodoro e l’interesse critico che ho nei confronti di questo grande protagonista dell’arte contemporanea.

Ma tutto ha inizio molto indietro nel tempo.

In libreria "Vicolo dei Lavandai": dialogo fra Flaminio Gualdoni e Arnaldo Pomodoro

Un colloquio confidenziale che ripercorrere il cammino della Fondazione dedicata al grande protagonista della scultura italiana, giunto a Milano nel 1954 con il fratello Giò, e che racconta del suo futuro.

Il libro fa parte della collana oi dialogoi a cura di Gino Fienga, nata con l’intento di “registrare” e raccontare conversazioni, confronti, discussioni con e fra i protagonisti della cultura contemporanea. Non fredde interviste, ma dialoghi intimi e colloquiali che restituiscono liberamente l’umanità che sta dietro le idee degli scrittori, degli artisti e degli intellettuali della nostra società.

Inaugurata nel 2011 con In front of, dialogo con Roland Wirtz, di Cristina Fiore e Andrea Penzo, la collana di con-fine edizioni prosegue con la pubblicazione dedicata a Pomodoro in uscita il 7 giugno 2012.

TOP