CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

Vivian Maier. Un’artista silenziosa.

by / venerdì, 20 Aprile 2018 / Published in Diario Semiserio, Video


Ieri a Palazzo Pallavicini a Bologna, ho visto una mostra di fotografia molto interessante. Vivian Maier.

Ma chi è Vivian Maier?

La sua storia è veramente bizzarra. Vivian Maier è una donna che ha vissuto praticamente nell’anonimato per tutta la sua vita. Nasce a New York nel 1926 e dopo vari spostamenti, a circa a 30 anni si sposta a Chicago dove incomincia a fare la bambinaia, la tata, continuando – forse neanche troppo volentieri – questo lavoro farà per tutta la sua vita.

La madre, però, le trasmise la passione per la fotografia e quindi, nel tempo libero, si dilettava a riprendere cose semplici, quotidiane, tutto quello che spesso distrattamente ci sfiora in una qualsiasi delle nostre giornate: strade, persone, lavoratori, oggetti comuni. Ma anche sé stessa, ci sono tantissimi autoscatti spesso riflessi in vetrine o specchi. Fra l’altro è uscito proprio nel 2017 un film per la regia di Ryan Alexander Huang che si intitola proprio The Woman in the mirror (vedi il trailer https://vimeo.com/228041282 ).

Fino a quando nel 2007 un certo John Maloof, compra all’asta tutto il contenuto di un box che era stato pignorato perché l’artista negli ultimi anni aveva avuto delle difficoltà finanziarie e non era più riuscita a pagare gli affitti.

Maloof trova fra le altre cianfrusaglie una scatola contenente centinaia di negativi e rullini mai sviluppati. Ne sviluppa alcune e le pubblica su Flickr dove riscuotono molto interesse da parte degli utenti. Così Maloof si incuriosisce e cerca di scoprire di più sulla vita di questa persona.

Vivian Maier è morta nel 2009 a seguito di un incidente e Maloof non fece in tempo ad incontrarla, ma ha continuato a portare avanti le ricerche, a scoprire la sua vita e a valorizzare il suo lavoro: un corpus di opere enorme: qualcosa come 120.000 negativi, filmini in super 8 e 16 mm, fotografie varie…

La mostra di Bologna è una selezione di centoventi scatti selezionati dalla curatrice Anne Morin e sono davvero un bel viaggio nella vita quotidiana dell’America fra gli anni ’50 e ’70. L’allestimento è molto essenziale in questa imponente cornice cinquecentesca del Palazzo Pallavicini. Forse sarebbe stato interessante un po’ più di ‘storytelling’, ma le fotografie sono davvero belle e raccontano tanto anche da sole.

Una storia davvero coinvolgente e affascinante, che vi consiglio vivamente di approfondire, sia vedendo la mostra, ma anche facendo un po’ di ricerche extra perché c’è davvero ancora tanto da scoprire su questa artista così… silenziosa.

Lascia un commento

TOP