Gli incontri di Eduardo de Martino: il maestro Juan Manuel Blanes

settembre 10, 2014 in arte, biografie, cultura, Top

Incendio del Vapore America

Incendio del Vapore America

Nel periodo sudamericano Eduardo de Martino sperimentò una vasta gamma di temi e soggetti. Come artista romantico riprodusse la bellezza e la forza della natura incontaminata, ma trattò pure, seguendo la corrente realista, soggetti di vita quotidiana e i fatti di cronaca, dai paesaggi campestri alle scene borghesi e militari. Rimase però ‘ancorato’ al genere marinaro. Era quello che gli veniva più richiesto perché in esso riusciva ad esprimere i mutevoli stati psicologici dell’uomo con la rappresentazione degli elementi naturali, poi con il gioco di luci ed ombre tendeva a sottolinearne la qualità drammatica o malinconica. Leggi il resto di questa voce →

I racconti a singhiozzi sul Kurdistan

settembre 3, 2014 in Lorenzo Giroffi, narrativa, Visioni Mondaniche

Lorenzo-Giroffi-Racconti-Kurdistan

Eccomi di nuovo a fare i conti con la storia che mi scavalca, con eventi che cambiano geografia e nomi. Il Kurdistan che ho conosciuto è stato di guerriglia, fuga, fame, esplosioni, speranze ed autodeterminazione. Quando decisi di partire il mio desiderio principale, quasi adolescenziale, era quello d’incontrare i guerriglieri del Pkk. Perché avevo fantasticato già diverse volte un incontro con loro, quasi sentendolo come vero. Poi quell’adrenalina è diventata solo una parte del puzzle infinito del Kurdistan assaporato. L’accoglienza di una famiglia a Diyarbakır, con una delle tante figlie in diaspora, per questisoni politiche, ad immergermi in cibo, canti, racconti, raccomandazioni e paure. Leggi il resto di questa voce →

Nei giardini di Alex Caselli

agosto 7, 2014 in Alex Caselli, Collana Sete, Visioni Poetiche

Temporale-Alex-Caselli

Navi della seconda metà dell’Ottocento

agosto 5, 2014 in cultura, marineria

De Simone, un brigantino a palo alto in mare.

De Simone, un brigantino a palo alto in mare.

Dopo l’unità d’Italia la cantieristica navale del Piano raggiunse il suo apice. Furono varati centinaia di bastimenti per la navigazione di lungo corso.
Gli armatori sorrentini consolidarono le loro posizioni sulle rotte per il Nord America e accrebbero la dimensione dei bastimenti adottando il brigantino a palo.

Leggi il resto di questa voce →

Lo stregone Gioele di Carlos Pambianchi

luglio 30, 2014 in Collana Transfert, Gennaro Chierchia, Top

Illustrazione-gigante- Carlos-PambianchiCi fu un tempo in cui Gioele fu come tutti gli altri. Poi quel tempo finì, perché così doveva essere, a quanto pare. Gioele crebbe, crebbe tanto che tutti dovettero abituarsi a guardarlo a naso all’insù; e lui a chinarsi all’ingiù, fino a far della schiena una grande gobba. Lungo lungo ed inarcato se ne stava, e pensando che quei minuscoli compatrioti faticassero sempre più a sentirlo da quell’altezza, gridava e tanto forte che a quelli parevan le trombe della fine del mondo; quelle specie di formiche di cui un tempo faceva parte ora lo guardavano con gran meraviglia e soggezione. “Sono io, sono io, son sempre io” badava a dire, lungo e ritorto come un glicine staccatosi dal muro su cui era cresciuto; e quelli tra loro, guardando quell’uomo che pareva un laccio da scarpa svolto “certo che è proprio un gran stringone!”. E parlavano parlavano parlavano ed ancora parlavano di quel ‘Gioele Gran Stringone’; e parlando parlando parlando, sui passi di chi fuori se n’andava in terre lontane, di bocca in bocca la sua storia passò, e tanto masticata fu da tutti come neanche l’erba in bocca ad un bove. Leggi il resto di questa voce →

L’armonia delle sfumature poetiche di Giuseppe Di Bella. I Parte

luglio 29, 2014 in Collana Sete, Giuseppe Di Bella, poesia

Poesia-GiuseppeDiBella

Gli incontri di Eduardo de Martino: l’imperatore Pedro II

luglio 28, 2014 in arte, biografie, cultura

Eduardo-De-Martino-Stretto-Magellano

Prima lancia al momento di scandagliare il fondo a nord del Banco ‘Orange’. Disegno di Eduardo de Martino 6 maggio 1866

Nell’estate 1865 de Martino prestava servizio come ufficiale di rotta sulla pirocorvetta Ercole. La nave faceva parte della Divisione Navale italiana al Rio de la Plata che svolgeva compiti politici, diplomatici e scientifici, mirando in particolare a rappresentare le numerose comunità italiane presenti sulle coste argentine e uruguaiane.

Anche mentre era a bordo dell’Ercole, Eduardo trovò il tempo per dedicarsi all’arte e di certo i suoi lavori cominciarono a circolare e ad essere apprezzati negli ambienti italiani e brasiliani, dai ritrovi mondani ai circoli culturali. Leggi il resto di questa voce →

Il mare

luglio 24, 2014 in narrativa, Sergio Saggese, Visioni Mondaniche

Il mare di Sergio Saggese

Le finestre son fatte per essere lette come pagine di un libro.
Consulto la mia come una Guida.
È un viaggio ogni giorno che vivo.
Mi segno d’abitudine prima d’uscire e c’è nel segno della croce, pure in quello, il moto dei punti cardinali. Leggi il resto di questa voce →

Scopriamo l’Italia meridionale dell’Ottocento insieme a Teodoro Duclère: la Puglia

luglio 22, 2014 in arte, Cataloghi, luoghi, Top

Duclere-Castel-MonteEd eccoci, come promesso nel precedente post, in Puglia, una regione magnifica tra terra e mare ricca di spunti e di paesaggi da ritrarre.

Ci troviamo nella prima metà dell’Ottocento e valicando l’Appennino meridionale, prima di passare dal tavoliere, arrivo a Bari dove non posso non disegnare il porto con le barche ormeggiate, poi raggiungo Barletta con la bella chiesa del Santo Sepolcro, Brindisi. A Lecce mi soffermo davanti alla veduta dai Santi Nicolò e Cataldo per fare un bel disegno dell’intera città, poi raggiungo Otranto, Gallipoli e Santa Maria di Leuca come documentato dai miei studi a matita tra il 1831 e il 1834.

Mi voglio invece soffermare sul disegno di Castel del Monte datato 1859 (3 maggio).  Leggi il resto di questa voce →

Left avvenimenti | E Picasso riscattò la ceramica | di Simona Maggiorelli

luglio 19, 2014 in arte, Picasso. Eclettismo di un genio, Rassegna Stampa, Top

Left avvenimentiPer lui la ceramica non era affatto un’arte minore, ma al pari della scultura e della pittura gli permetteva di realizzare quell’universo di immagini che facevano la sua cifra espressiva, il suo stile, il suo linguaggio, che Picasso dipanava con la stessa potenza di segno, qualunque fosse la tecnica adoperata.
Consapevoli di questa fondamentale unitarietà dell’opera dell’artista spagnolo i curatori Mariastella Margozzi, Claudia Casali e Gino Fienga espongono una selezione di ceramiche di Picasso accanto a una serie di opere grafiche nella mostra Picasso. Eclettismo di un genio, aperta fino al 12 ottobre nelle sale di Villa Fiorentino a Sorrento. Leggi il resto di questa voce →